Cosa fare se un nostro caro che era proprietario di un immobile in Francia é deceduto

Tassazione sulla plusvalenza in caso di vendita di un immobile in Francia

Consigli ed informazioni relativi alla dichiarazione di successione in Costa Azzurra

La successione in Francia si sviluppa in differenti fasi.

Il notaio necessita di una stima del bene per capire il valore del patrimonio immobiliare del defunto e stabilire l'atto di notorietà, ossia la lista delle persone chiamate a ricevere la successione e le loro quote rispettive. A partire dalla riforma del 2015 é consentito di utilizzare le norme di successione del Paese nel quale é avvenuto il decesso.

Sulla base della stima fornita dopo una visita del vostro immobile da parte di uno dei nostri agenti, siamo in grado di fornire al notaio incaricato un esatto valore di mercato del bene immobile, curando il contatto in francese con il professionista e guidandovi fino alla dichiarazione di successione che deve essere presentata entro dieci mesi dal decesso.

Successivamente la proprietà del bene viene trasferita agli eredi che possono accettare di ricevere l'immobile in condivisione fra loro, oppure affidarsi alla nostra struttura per trovare rapidamente un acquirente.

Questa procedura presenta degli esborsi da sostenere di tre tipi; le imposte dovute allo Stato (dal 5% al 60% in funzione del grado di parentela con il defunto), gli onorari del notaio ed i costi legati all'intervento dei professionisti coinvolti.


Sempre più spesso i nostri clienti ci domandano come funziona la tassazione sulla plusvalenza in Francia. Prima di tutto bisogna comprendere se vi é una differenza considerevole di valore tra quanto indicato nell'atto di acquisto ed il valore attuale del bene immobile.  Successivamente si deve verificare se in base agli anni di possesso si é ancora assoggettati all'imposizione sulla plusvalenza.     

La nostra agenzia di Mentone aperta da più di vent'anni é a vostra disposizione dal lunedi' al sabato pomeriggio per garantirvi la corretta consulenza.